Explorer Yacht 36 meters

QUALI SONO LE CARATTERISTICHE DI UNO YACHT EXPLORER?

Possiamo suddividere gli yacht di lusso in diverse tipologie. Ogni imbarcazione con determinati requisiti appartiene ad una macro categoria generale. Alcune volte la spiegazione è chiara, come nel caso degli yacht sportivi che si caratterizzano per le prestazioni e le performance elevate.

Ma quello su cui ci si interroga più spesso è la definizione di Yacht Explorer.

Passeremo di seguito in rassegna alcune caratteristiche di questi yacht, requisiti fondamentali per essere inglobati in questa tipologia di imbarcazioni.

  • Creato per percorrere lunghe distanze, esplorando il mondo in totale serenità;
  • Progettato con una carena robusta per poter navigare anche in aree remote: a bordo uno yacht Explorer puoi andare ovunque, la sicurezza è messa al primo posto. Il materiale più comune per la costruzione della carena per la sua robustezza è sicuramente l’acciaio;
  • Grande autonomia di navigazione;
  • Spazio di stoccaggio superiore, vista l’autonomia di navigazione e la possibilità di passare lunghi periodi a bordo.

Questi yacht oltre ad essere “robusti” possono essere dei veri propri gioielli, progettati con la maestria e l’artigianalità di chi costruisce imbarcazioni da decenni.

Filippetti Yacht propone una serie di yacht dislocanti in acciaio e alluminio dai 24 metri, con la possibilità di personalizzare la metratura, il layout e la propulsione.

Scoprite di più con la nostra serie Explorer: https://filippettiyacht.com/it/flotta/e-series/


Navetta 26 Cross the Ocean

PUO' UNO YACHT DI LUSSO ATTRAVERSARE L'OCEANO?

Le prestazioni di uno yacht sono assolutamente uno degli argomenti più importanti da trattare quando si mette in piedi la costruzione della propria imbarcazione.

La domanda più comune che ci viene posta è: può uno yacht di lusso attraversare l'oceano? Noi siamo assolutamente in grado di rispondere a questa domanda con un grande Si e possiamo provare la nostra tesi.

La Navetta 26 è sbarcata nella Western Australia dopo 12 giorni di navigazione, percorrendo il Mare della Cina del Sud ed il Mare di Java per poi far rotta verso l’Oceano indiano, dimostrando a pieno il suo DNA di barca adatta a percorrere lunghe distanze grazie alla grande autonomia ed ai consumi limitati.

Oltre ad essersi dimostrata perfettamente in grado di solcare l’oceano, anche in condizioni di mare non proprio favorevoli, la Navetta 26 ha percorso questo viaggio facendo dimenticare ai suoi ospiti il problema del rifornimento di carburante.

Il video documenta tutto.

Al timone della Navetta 26, Fausto e Giovanni Filippetti, che hanno personalmente consegnato l' imbarcazione all'armatore.