aboard_luxury_yacht_gatsby

UNO YACHT SENZA EQUIPAGGIO E’ POSSIBILE?

La questione “equipaggio” è un argomento che interessa molti armatori in fase di progettazione del proprio yacht.

Ci si chiede se uno yacht senza equipaggio sia possibile. Tuttavia, per capire se questa richiesta è attuabile è importante chiarire con il Cantiere Costruttore questi aspetti:

  • Quale sarà l’uso del proprio yacht? Per quanto tempo all’anno si ha intenzione di usarlo?
  • Il proprietario è in grado di manovrare lo yacht in completa autonomia?
  • Quanto è grande la propria imbarcazione? Riuscirò a gestirla autonomamente in sicurezza?

Per precisazione è fondamentale considerare che l’equipaggio può essere suddiviso tra personale tecnico (comandante, ingegnere meccanico, ecc.) e personale di servizio (steward, chef, hostess ecc.) di solito impiegato negli yacht più grandi.

Quale sarà l’uso del proprio yacht? Per quanto tempo all’anno si ha intenzione di usarlo?

Al momento della progettazione è già chiaro al suo proprietario quale sarà l’uso della sua imbarcazione.

Ci sono quegli armatori che amano timonare la propria barca, altri che cercano solo il piacere della navigazione. C’è chi preferisce avere l’imbarcazione tutta per sé, e invece chi preferisce avere un equipaggio completo al proprio servizio. C’è inoltre chi ama usare la barca tutto l’anno, e chi invece può usarla solo qualche mese all’anno.

La destinazione d’uso della propria imbarcazione condiziona anche le scelte relative all’equipaggio.

Uno Yacht che verrà impiegato come Charter dovrà prevedere oltre al personale tecnico necessario per legge, anche quello di servizio.

Se invece il suo utilizzo è personale si potrà decidere di riservare meno spazio ai membri dell’equipaggio, in quanto saranno gli ospiti a svolgere le mansioni di bordo.

NOTA BENE: Le regole sul numero e sul tipo di personale di bordo sono dettate ed imposte dalla classe di navigazione e dalla bandiera, oltre che dalla dimensione dell’imbarcazione. Sarà quindi importante valutare bene con il cantiere tutti questi aspetti in fase di progettazione.

Il proprietario è in grado di manovrare lo yacht in completa autonomia?

Per poter navigare e manovrare l’imbarcazione c’è bisogno della patente nautica e di tutte le certificazioni idonee alla navigazione. Bisogna inoltre possedere un minimo di nozione tecniche da mettere in pratica in caso di avaria mentre si è in mezzo al mare.

Dimensioni imbarcazione

Più lo Yacht sarà grande e più sarà necessaria la presenza a bordo di figure tecniche con competenze specifiche. Inoltre uno yacht di grandi dimensioni richiede anche una maggior cura anche in termini di manutenzione, anche quando è ormeggiata in marina.

Le soluzioni del Cantiere

La divisione dei flussi come soluzione ottimale

Nelle le imbarcazioni di dimensioni più grandi – dove è necessario un minimo di equipaggio – la questione Privacy è l’aspetto cruciale.

Lo studio dei flussi ospiti-equipaggio, se fatto con attenzione, garantisce estrema discrezione. Una sapiente divisione degli spazi fa in modo che le aree di lavoro non interferiscono con gli ambienti dedicati agli ospiti.

Quando la tecnologia può aiutare

In fase di progettazione il Cantiere può venire incontro con soluzioni ad hoc. Richiesta simile ci è pervenuta dall’armatore di una Navetta 26 metri. Questo Yacht vanta dimensioni importanti, ed in condizioni normarli, è gestito da un equipaggio composto in media da 3 o 4 persone. La richiesta di questo armatore era quella di poter gestire l’imbarcazione in autonomia senza l’ausilio costante di un equipaggio professionale.

Sono state quindi adottate delle soluzioni che hanno permesso di condurre l’imbarcazione in totale autonomia, riducendo così i costi di gestione ed aumentando la privacy a bordo. Sono state inserite quattro postazioni di comando remote, due a prua e due a poppa del Main Deck per agevolare le manovre di ormeggio, in aggiunta alla postazione di comando principale che si trova nel ponte superiore. Ogni postazione è stata dotata di tutti i comandi e display necessari ad avere il pieno controllo dell’imbarcazione.

Queste soluzioni vengono in aiuto durante la navigazione, ma una Navetta 26 ha bisogno di presenza fissa a bordo anche quando è ormeggiata in Porto. È stato installato a bordo un sistema di monitoraggio da remoto per la gestire a corrente a bordo, il riscaldamento/ raffreddamento dell’ambiente ecc..

Vuoi ricevere maggiori informazioni su come gestire la tua barca?





NAZIONE *

Hai già uno yacht? No


“Informativa ai sensi dell’ art.13 del Regolamento UE 2016/679. I dati inseriti nel presente form potranno essere comunicati ad agenti esterni Titolari autonomi del Trattamento, collegati a Filippetti Yacht s.r.l., per poter rispondere alla richiesta inoltrata. Per maggiori dettagli riguardo a come trattiamo i Suoi dati, alla durata del trattamento e alle relative finalità, la preghiamo di fare riferimento al testo completo della Privacy Policy.”
(Link alla Privacy Policy)
Ho letto la Privacy Policy e autorizzo all’uso dei miei dati personali per le finalità e gli scopi del presente form
Voglio ricevere newsletter informativa da Filippetti Yacht e/o i suoi rappresentanti per essere aggiornato su novità, progetti, eventi ed occasioni